Fonte Giulia - URETEK
Home / Consolidamento terreni / Fonte Giulia

Fonte Giulia

Fonte Giulia

Consolidamento
Terreni

Tipo di struttura: Strutture speciali

Tipo servizio: Deep Injections

Comune: Montecatini Terme

Provincia: Pistoia

Regione: Toscana

 

DOWNLOAD CASE HISTORY

 

LA STRUTTURA

Fonte “Giulia” è una sorgente di acque minerali di proprietà delle Terme di Montecatini Spa, il pozzo è molto antico, scavato nella seconda metà dell’Ottocento, ed è sovrastato da una cappella ornamentale di rilevante valore artistico.

Si colloca all’interno del plesso termale denominato “Torretta” che si trova nella centralissima area termale della città di Montecatini Terme; l’intera area in questione è vincolata architettonicamente dalla Sovrintenedenza ai Beni Culturali e Paesaggistici.

L’acqua della fonte “Giulia” è riconosciuta dal Ministero come acqua termale ed è stata utilizzata per balneoterapia fino al 1953, anno in cui il pozzo è stato sigillato.

Da prove di pompaggio si è visto che la fonte ha una capacità produttiva di 10 litri al secondo.

 

IL PROBLEMA

La realizzazione di una strada a monte del pozzo di captazione aveva comportato l’alterazione dell’andamento topografico del sito con la formazione di un’intercapedine fra il rivestimento del pozzo e la roccia circostante. Tale intercapedine, dello spessore di 1cm circa, permetteva alle acque meteoriche percolanti di infiltrarsi e raggiungere in breve tempo il fondo del pozzo grazie a questa via preferenziale creatasi fra il rivestimento in mattoni del pozzo e la roccia retrostante.



La fonte in questione non veniva più sfruttata dal 1953, per cui col tempo si è riscontrato un inquinamento microbiologico dell’acqua aggravato dalla rapida discesa dell’acqua piovana a fondo pozzo; per cui, nell’ottica di un recupero qualitativo delle acque la Committenza, interessata al riapprovvigionamento delle acque della fonte da avviare alle nuove vasche termali dello stabilimento “Leopoldine”, ha deciso di rivolgersi ad Uretek per sigillare l’intercapedine e avviare poi le procedure sanitarie occorrenti alla nuova captazione.

 

L’INTERVENTO

Anno di esecuzione

2010

Durata dei lavori

4 giorni di lavoro.

Indagini in sito e prove di laboratorio

Il pozzo è fondo circa 13m e ha diametro interno di 1,80m, è rivestito con una canna in laterizio internamente è intonacata a lucido.

Dall’ispezione del pozzo si è potuto appurare che il fondo non è pari, ma vi sono dei punti in buca con accumuli di fanghi spessi anche 70cm e che la sorgente termale è captata da una galleria orizzontale che si stacca dal fondo pozzo. Inoltre il rivestimento del pozzo è percorso da una rete di microfratture da cui cola acqua e vede anche la presenza di fori di circa 2cm, alcuni sigillati con tappi in plastica, altri aperti e dai quali si infiltra acqua.

La litologia dei suoli è contraddistinta da un banco di detriti di origine alluvionale fino a circa 5,50m, che poggia su travertino.

Modalità di intervento

Preliminarmente la Committenza ha provveduto allo svuotamento del pozzo, alla rimozione del fango sul fondo con getto d’acqua in pressione e alla sua rimozione con pompe e all’installazione di un ponteggio per la discesa da parte di due operatori Uretek con le relative attrezzature.

Il metodo Uretek Deep Injections, con iniezioni di resina nell’intercapedine presente fra il terreno naturale ed il rivestimento del pozzo, ha interessato tutta la profondità dello stesso (pari a circa 13m) e la geometria di iniezione è stata a maglia regolare con interasse orizzontale pari a 1,5m e interasse verticale compreso fra 1,5 e 2,0m. Il trattamento ha avuto forma ad anello creando così una corona circolare di spessore di 3m.

Esito dell’intervento

L’intervento descritto testimonia l’efficacia del metodo Uretek Deep Injections anche quando non direttamente impiegato per il miglioramento delle proprietà meccaniche del terreno, ma come in questo caso rivolto al recupero di un buon contatto fra terreno e opere di rivestimento o di contenimento in genere. 
L’ufficio tecnico di Uretek è in grado di riadattare la tecnica di consolidamento con resine al fine di rispondere fattivamente alle più diverse richieste di intervento concernenti le molteplici problematiche che intercorrono fra il terreno e le opere che con esso interagiscono. Inoltre l’intervento nella fonte “Giulia” consente di apprezzare la pulizia del metodo Uretek Deep Injections e l’affidabilità dell’impiego delle resine anche in contesti ambientalmente sensibili come una fonte di acque minerali: le resine sono stabili nel tempo e totalmente inerti tanto da essere impiegate come premessa per un recupero microbatteriologico di acque a futuro uso termale.

OSSERVAZIONI

L’intervento descritto testimonia l’efficacia del metodo Uretek Deep Injections anche quando non direttamente impiegato per il miglioramento delle proprietà meccaniche del terreno, ma come in questo caso rivolto al recupero di un buon contatto fra terreno e opere di rivestimento o di contenimento in genere. 
L’ufficio tecnico di Uretek è in grado di riadattare la tecnica di consolidamento con resine al fine di rispondere fattivamente alle più diverse richieste di intervento concernenti le molteplici problematiche che intercorrono fra il terreno e le opere che con esso interagiscono. Inoltre l’intervento nella fonte “Giulia” consente di apprezzare la pulizia del metodo Uretek Deep Injections e l’affidabilità dell’impiego delle resine anche in contesti ambientalmente sensibili come una fonte di acque minerali: le resine sono stabili nel tempo e totalmente inerti tanto da essere impiegate come premessa per un recupero microbatteriologico di acque a futuro uso termale.