Consolidamento del terreno di fondazione e della muratura ammalorata del rifugio Europa (BZ)

    LUOGO: Rifugio Europa Val di Vizze (BZ) - Italia
    ANNO: 2011
    DURATA CANTIERE: 5 giorni lavorativi

    IL PROBLEMA

    Fessurazioni e cedimenti della struttura

    LA SOLUZIONE

    consolidamento del terreno di fondazione e della muratura ammalorata con iniezioni di resina - tecnologie Uretek Deep Injections® e Uretek Walls Restoring®

    Il Rifugio Europa si trova a 2693 metri di quota in località Venna alla Gerla, nel comune di Vizze, in provincia di Bolzano. La struttura in elevazione, costruita in pietrame con i solai in laterizi e in legno, presenta due piani fuori terra, un sottotetto e un piano parzialmente interrato.

    IL PROBLEMA

    Le fessurazioni, evidenziatesi già durante i lavori di ristrutturazione del 1989 si sono aggravate negli anni, aprendosi e richiudendosi con andamento stagionale. Le cause del cedimento sono imputabili a fenomeni di alterazione del permafrost presente nel substrato roccioso sottostante.

    Perchè è stata scelta la soluzione Uretek
     

      • rapidità: attenta pianificazione e programmazione dei tempi di esecuzione che permettevano di realizzare l’opera in tempi relativamente brevi;
    • costi competitivi;
    • non invasività: l’intervento proposto da Uretek non necessitava di scavi o lavori in muratura, non avrebbe sporcato l’area né prodotto scarti di lavorazione;
      • monitoraggio continuo del lavoro: sia durante che dopo l’intervento le attività sarebbero state sottoposte a controllo in tempo reale mediante tecnologia laser d’avanguardia e personale altamente qualificato;
      • applicazione della tecnologia esclusiva Uretek Deep Injections® che, grazie all’iniezione della resina espandente Uretek Geoplus® ad alta pressione di rigonfiamento, compatta il terreno e stabilizza le strutture;
    • applicazione della tecnologia esclusiva Walls Restoring®  che, grazie a iniezioni di resina IDRO CP 200, con caratteristiche meccaniche paragonabili a quelle delle normali malte di allettamento, riempie i vuoti e aggrega gli elementi che costituiscono la struttura delle murature ammalorate;
    • attenzione all’ambiente: la miscelazione fuori terra delle resine Uretek® genera un prodotto finale inerte, che non rilascia eluati nel terreno e nelle eventuali falde presenti.

    LA SOLUZIONE

    Data la necessità di intervenire sia sul terreno di fondazione, per consolidarlo, sia sulla fondazione e su alcuni muri in elevazione, per riempire i vuoti e ricostituirne l’integrità, abbiamo messo in campo le nostre tecnologie brevettate Deep Injections® e Walls Restoring®.
    Grazie a Deep Injections® abbiamo incrementato la capacità portante del terreno fino a -2 metri dal piano d’appoggio delle fondazioni e sotto 27 ml delle stesse.
    Con Walls Restoring® abbiamo ricreato la continuità strutturale del corpo di fondazione per una lunghezza di circa 16,60 ml ed un’altezza di circa 4,00 metri ripristinando anche l’integrità della muratura dei barbacani per una lunghezza di circa 10,55 ml fino a un’altezza media di 2,00 metri. L’intervento complessivo si è svolto nell’arco di 5 giorni lavorativi.

     

    Curiosità
    Il rifugio si trova proprio sulla linea di confine fra Italia e Austria e per molto tempo sono esistiti due rifugi distinti, uno in territorio italiano e uno in territorio austriaco. A lungo reclamato sia dall'Italia che dall'Austria,  finalmente, il 10 settembre 1988, si è raggiunto l'accordo che ha consentito di inaugurare un unico rifugio dedicato all'Europa.

    IL PROGETTO NEL DETTAGLIO

    Indagini

    L’attuale rifugio Europa è stato costruito nel 1899 dalla sezione dell’Alpenverein di Landshut, antica città ducale della bassa Baviera, e poi ampliato nel 1902.
    Le fondazioni sono in pietrame, saturate con malta cementizia e posate a circa - 40, - 60 cm dal piano di campagna con una larghezza indicativa di 60/100 cm. Nella “Relazione geologica - protocollo di campagna” del 25/06/2003 dell’Ufficio Geologia e prove materiali della Provincia Autonoma di Bolzano si evidenziava che il substrato dell’edificio è costituito da ammasso roccioso gneissico fratturato.
    Analizzando il quadro fessurativo abbiamo rilevato che era in atto un cedimento che interessava le fondazioni del fabbricato e dei barbacani sui lati sud, ovest e nord. La dimensione massima delle fessure al momento del sopralluogo era di 5/15 mm. Nel 1989, durante lavori di ristrutturazione si erano rilevate già delle fessurazioni, concentrate soprattutto nella zona ovest che avevano portato alla realizzazione di barbacani in pietrame e malta cementizia.

    Intervento
    Abbiamo dato l’avvio ai lavori nel mese di ottobre 2011 con l’applicazione di due tecnologie specifiche: Uretek Deep injections® e Uretek Walls Restoring®. 

    Tecnologia Uretek Deep Injection®
    L’intervento ha visto due fasi distinte e consecutive, su due livelli complessivi di iniezione.
    Nella prima fase, abbiamo concentrato l’azione della speciale resina Uretek Geoplus®, a rapida espansione e alta pressione di rigonfiamento, nella zona di terreno immediatamente sottostante le fondazioni. Lo scopo era ottenere un miglioramento delle caratteristiche geomeccaniche e la resistenza alla rottura per sforzi di taglio, riempiendo i vuoti macroscopici eventualmente presenti. Nella seconda fase abbiamo eseguito le iniezioni più in profondità, nel volume di terreno maggiormente interessato dai cedimenti dovuti alle tensioni indotte dal carico sovrastante.

     

    Tecnologia Uretek Walls Restoring®
    Abbiamo iniettato la resina Uretek IDRO CP 200 con il metodo “a colonna”. Durante l’iniezione, partendo dalla quota d’imposta della fondazione, il condotto attraverso cui passava la resina è stato estratto gradualmente e con velocità variabile, mediante l’ausilio di un apposito estrattore. La velocità di risalita del condotto è stata tarata sulla base della dimensione dei vuoti presenti nella struttura di fondazione.

    Data l’altitudine, per poter eseguire l’intervento è stato necessario trasportare materiali e attrezzature in quota con un elicottero.