Consolidamento pavimentazione portuale - Cantiere navale del Porto di Loano (SV)

    LUOGO: Porto di Loano (SV) Italia
    DURATA CANTIERE: 30 giorni lavorativi
    COMMITTENTE: Porto di Loano

    IL PROBLEMA

    Cedimenti nella pavimentazione

    LA SOLUZIONE

    Consolidamento di 8142 mq di pavimentazione portuale con iniezioni di resina espandente Uretek Geoplus® - tecnología Uretek Floor Lift®

    Il porto di Loano è uno dei maggiori scali portuali turistici della Liguria, uno dei più grandi della Riviera di Ponente. All'interno del bacino è presente un cantiere navale, che si occupa della manutenzione delle imbarcazioni.

    IL PROBLEMA

    Il terreno d’assise della pavimentazione del cantiere navale risultava localmente poco addensato con valori di densità relativa (DR) compresi tra 25% e 51% dipendenti dalla posizione del sondaggio e dalla profondità e costantemente immerso a partire da circa -1,50 m da quota piano del piazzale. Inoltre:

    • spessore della pavimentazione in calcestruzzo compreso tra 305 e 560 mm (medio 374,70 mm);
    • armatura della pavimentazione non significativa;
    • vuoto all’intradosso della soletta compreso tra 5 e 55 mm (medio 18,40 mm).

    Le esigenze del cliente
    Era necessario riempire i vuoti e, nel contempo, ricompattare il terreno al di sotto dell’impronta della soletta per consentire il transito in sicurezza di un nuovo “travel lift” con una portata massima di circa 900 Ton.

    Perché il Comune di Venezia ha scelto Uretek:

    • rapidità
      attenta pianificazione e programmazione dei tempi di esecuzione che permettevano di realizzare l’opera in tempi relativamente brevi;
    • non invasività
      l’intervento proposto da Uretek  non avrebbe sporcato l’area né prodotto scarti di lavorazione;
    • intervento localizzato
      la squadra di Uretek avrebbe circoscritto la propria area di intervento permettendo il regolare svolgimento delle attività del porto;
    • monitoraggio continuo del lavoro 
      sia durante che dopo l’intervento le attività sarebbero state sottoposte a controllo mediante tecnologie d’avanguardia e personale altamente qualificato;
    • tecnologia esclusiva Uretek
      l’intervento prevedeva l’iniezione della resina  Uretek Geoplus® che, espandendo rapidamente con un’alta pressione di rigonfiamento, compatta il terreno e stabilizza le strutture;
    • attenzione all’ambiente:
      la miscelazione fuori terra delle resine Uretek® genera un prodotto finale inerte, che non rilascia eluati nel terreno e nelle eventuali falde presenti.

    LA SOLUZIONE

    Abbiamo impiegato la nostra tecnologia esclusiva Uretek Floor Lift®, che ha prodotto l’addensamento in profondità del sottofondo della pavimentazione della banchina grazie all’iniezione di resine poliuretaniche ad alta pressione di rigonfiamento.
    La resina Uretek Geoplus®, espandendosi, ha riempito i vuoti presenti nel terreno esercitando sul volume solido circostante un’azione di compattazione che ne ha migliorato le caratteristiche meccaniche e idrauliche. Sia in corso d’opera sia a fine lavori, abbiamo eseguito prove geotecniche di verifica e di collaudo. Abbiamo consolidato 8142 mq di pavimentazione in trenta giorni lavorativi senza necessità di opere accessorie o demolizioni.

    L'INTERVENTO NEL DETTAGLIO

    Abbiamo eseguito le iniezioni della resina espandente con un passo massimo di 1,50 x 1,50 m, su maglia quadrata, partendo dalla quota di m -1,20 dal piano d’imposta della pavimentazione (m -2,20 nel caso dell’area prospiciente la banchina), fino all’intradosso della pavimentazione stessa. La tipologia di iniezione che abbiamo scelto è quella “a colonna”, in cui si estrae il condotto di iniezione dal terreno durante l’erogazione della miscela con velocità controllata. Abbiamo installato un cantiere mobile temporaneo che, per ogni giorno lavorativo, ha occupato una porzione di pavimentazione opportunamente recintata. 

    Il Committente ha potuto riprendere le normali attività nell’area già a partire dal giorno successivo a quello delle iniezioni. L’operazione ha interessato una superficie di pavimentazione portuale pari 8.142,0 m² e nell’area di banchina ha raggiunto la profondità di 3,00 m dall’imposta della pavimentazione mentre nell’area di cantiere ha raggiunto la profondità di 2,00 m dall’imposta della pavimentazione. Sia in corso d’opera sia a fine lavori, abbiamo eseguite prove geotecniche di verifica e di collaudo.

    porto_loano_3

     

    In sintesi 

    • Consolidato il sottofondo di 8.142 m² di pavimentazione portuale.
    • Spessore medio della pavimentazione: 374,70 mm.
    • Vuoto medio al di sotto della pavimentazione: 18,4 mm.
    • Deformazioni ammesse di progetto a seconda delle condizioni di carico: 5/9 mm.
    • Deformazioni rilevate nella medesima condizione di carico in fase di collaudo: 0,5/3 mm.
    • Intervento eseguito in 30 giorni lavorativi con una produttività di circa 270 m² /giorno.

    porto_loano_2