Iniezioni

Per iniezione si intende l’inserimento di miscele fluide nei vuoti del terreno o negli spazi tra lo stesso e strutture adiacenti.  Molte di esse sono progettate in modo da gelificarsi o indurire dopo l’immissione, o istantaneamente o dopo un po’ di tempo.

L’obiettivo principale delle iniezioni è rendere il terreno più resistente, più denso e/o meno permeabile, ossia modificare le sue caratteristiche idrauliche e meccaniche. Esse tuttavia possono servire anche solo a riempire i vuoti che altrimenti sono irraggiungibili con altre tecniche, e a favorire un adeguato trasferimento degli sforzi entro il terreno o dalla struttura allo stesso.

I terreni iniettabili sono materiali alluvionali o detritici fino a un certo limite inferiore di permeabilità (dalle ghiaie ai limi sabbiosi), rocce (da carsiche a microfessurate) e murature difettose.

Le miscele utilizzate sono fluidi (sospensioni, soluzioni ed emulsioni) con proprietà reologiche idonee alla permeabilità del terreno.

Fig. 4.1: Classificazione delle miscele